Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘Filippine’

8 marzo 1872: massacro di Gnadenhutten

8 marzo 1906: massacro Usa nelle Filippine

8 marzo 1965: sbarco di 3500 marines in Vietnam del Sud

di Energu (*) (altro…)

Read Full Post »

In Italia le leggi liberticide di Pelloux mentre nel Pacifico inizia la guerra filippino-americana

di Fabrizio Melodia (*) con una nota di db   (altro…)

Read Full Post »

30 dicembre 1896: il rivoluzionario filippino José Rizal viene giustiziato

di Energu (*) (altro…)

Read Full Post »

Gli errori della geografia: trovato il petrolio in Iraq

di Eduardo Galeano (*)   (altro…)

Read Full Post »

Di eventi accaduti (o che accadranno) negli Usa

di d. b. (*)   (altro…)

Read Full Post »

di Luca Cumbo
C’è stato un tempo in cui fascio fu una dolce parola e significava libertà e giustizia: non era il ventennio mussoliniano, ma l’epoca dei Fasci Siciliani.
Dal 1887 (altro…)

Read Full Post »

United Business of Benetton

di Alexik  (da http://illavorodebilita.wordpress.com)

United BusinessPersonalmente vedo complicato che le imprese comincino a preoccuparsi se le Leggi Nazionali di un Paese permettano una vita dignitosa ai lavoratori che lo abitano”.  Carlo Landi, direttore della pubblicità del Gruppo Benetton (1999).

“Carmelita è morta l’8 marzo 1997, Giornata Internazionale della Donna, all’Andres Bonifacio Memorial Hospital di Cavite, nelle Filippine, dopo 11 giorni di agonia. Secondo le dichiarazioni rilasciate dalle sue compagne di lavoro della V.T. Fashion, “Carmelita è stata uccisa dalle 14 ore di lavoro che doveva svolgere ogni giorno e dalle 8 ore di straordinario che le venivano imposte ogni domenica.” (“Philippine News Features”, March 19, 1997). (altro…)

Read Full Post »

di Maria (Rossa!) G. Di Rienzo

«Questo documentario tratta dei corpi delle donne e del lavoro. Il capitalismo (altro…)

Read Full Post »

di Gita Sahgal

Gli standard dei diritti umani sono stati attaccati negli ultimi anni da pensatori di destra e di sinistra. Se gli uni invocano un mondo “naturalmente” classista e piramidale, considerando la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani l’equivalente di un’irrealizzabile favola per marmocchi, gli altri la considerano “la fonte normativa dell’Impero”. I pensatori, ovunque si situino sullo spettro politico, trovano accordo nel ripetere che la Dichiarazione fu scritta dagli occidentali. A sfatare un po’ di miti al proposito provvede efficacemente Gita Sahgal, con il suo saggio Who wrote the Universal Declaration of Human Rights?, (altro…)

Read Full Post »

di Maria G. Di Rienzo

Una “normale” obiezione alla scelta nonviolenta consiste nello spacciare per naturale e inevitabile la violenza. Sono le pulsioni profonde dell’umanità, (altro…)

Read Full Post »

Older Posts »

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 229 follower